Altiero Spinelli

You are currently browsing articles tagged Altiero Spinelli.

L’attualità di Spinelli  e del sogno federalista in  “C’è una Italia migliore”, di Niki Vendola – Fandango libri, 2011

“In questo mondo che cambia noi dobbiamo avere l’obiettivo di cambiare l’Europa. Dobbiamo fare nostro il sogno federalista di Altiero Spinelli,l’idea che la pace si potesse portare in questo continente abbattendo le frontiere, universalizzando i diritti, costruendo un modello sociale nuovo.”

E’ questo l’invito di Niki Vendola, che, nelle pagine  del suo libro parla d’Europa soffermandosi sulla crisi sociale e istituzione che vive il vecchio continente:  “Il modello politico europeo è un modello di cooperazione, codecisione, collaborazione e mediazione tra posizioni diverse. Regge solo in una società che non sia lacerata, impaurita e impoverita come è oggi la società di quasi tutti i paesi europei. Difendere e aggiornare il modello sociale europeo è il modo migliore per rendere più forte e funzionale l’Europa politica.”

Vendola dunque, nelle poche pagine dedicate all’Europa, ripropone il  modello federalista come soluzione e il sogno europeo di Spinelli come base riformista per una società più equa e solidale.

Tags: , , , ,

Approfondimento di Radio Radicale

Dall’evoluzione delle istituzione europee sino al trattato di Lisbona, dall’attualità di Spinelli al Gruppo Spinelli , un interessante spazio di approfondimento  su Radio Radicale dedicato all’Europa, con Marco Pannella, Pier Virgilio Dastoli (in studio) e Graham Watson (in collegamento telefonico)

Dice Dastoli sulla battaglia federalista: “Le parole di Spinelli, che consigliava di lavorare innanzitutto con Germania, Francia e Spagna, sono ancora attuali. Oggi bisogna lavorare innanzitutto con la Germania. C’è un problema reale che concerne per esempio la posizione dei Liberali in Germania, che non sono non dico su posizione federaliste ma nemmeno europeiste. La stessa situazione c’è anche in altri paesi e non riguarda soltanto le forze liberali. Quello che diceva Spinelli è ancora attuale. Certo sono stati fatti dei passi in avanti: c’è un parlamento europeo con poteri legislativi, abbiamo una Carta dei diritti, una moneta unica, etc.”.

“Però il mondo è cambiato. Io sono convinto che il Trattato di Lisbona, che è oggi in qualche modo la nostra Costituzione, è stato concepito e adottato tra il 2002 e il 2007; dal 2007 a oggi l’Europa e il mondo sono radicalmente cambiati e io sono convinto che il Trattato di Lisbona sia obsoleto. Non contiene gli strumenti necessari per fare fronte alla crisi finanziaria, è un testo che ha ignorato completamente il problema del governo economico dell’Europa; per quanto riguarda la politica estera, i governi hanno gelosamente fatto sì che prevalesse l’approccio intergovernativo nel Trattato di Lisbona, e quindi l’assenza dell’Europa nel Mediterraneo è dovuta anche a questo”.

“Uno dei motivi per cui la battaglia federalista noi non l’abbiamo ancora vinta, Altiero lo diceva sempre, è che nei partiti manca la cultura federalista.. Il federalismo non come ideologia ma come battaglia politica per conquistare poteri costituendi e costituenti, contro i poteri costituiti cioè quelli statali o di altro tipo. Se noi non facciamo i missionari e portiamo questo approccio di tipo culturale, prima che politico, la battaglia europea le perdiamo nuovamente”.

Per  la trasmissione completa  clicca qui: Radio Radicale: L’europa delle patrie, la patria europea

Tags: , , , , , , , ,

Presentazione della graphic novel “La nebbia e il granito” edizione 001 (Caci – Gambotto – Surroz) a Bruxelles (mercoledì 9 febbraio 2011, La Piola Libri)

di Manuela La Gamma

Come ho tentato di diventare Altiero Spinelli

Uno Spinelli inedito è quello illustrato nelle vignette de La nebbia e il granito, graphic novel che nasce con l’intento divulgativo e didattico di far conoscere la prima parte della vita di Altiero Spinelli anche ai più giovani.

La bellissima immagine ripresa dal titolo è tratta dagli scritti spinelliani afferenti la sua adesione al comunismo, avvenuta attraverso la costruzione di quella che lui stesso definisce una cattedrale di nebbia e granito, in cui gli strati di granito – le nozioni studiate e assimilate – si alternano agli strati di nebbia, quelli delle verità quasi dogmatiche, dove la convinzione si fonde quasi con la fede.

Il leit-motiv della graphic novel è l’oblio, che pervade i colori del fumetto dall’inizio alla fine, dai ricordi d’infanzia che paiono più sfumati e assumono contorni e tinte di nebbia fino ad arrivare ai ricordi più recenti, prendendo forma nella figura di uno Spinelli maturo che alla fine del romanzo sfoglia un album di fotografie e ricorda.

Nel corso della presentazione, organizzata da l’Union des Fédéralistes Européens in collaborazione con l’Istituto Altiero Spinelli di Torino, sono intervenuti gli autori, Davide Caci e Fulvio Gambotto, e Pier Virgilio Dastoli, ex assistente parlamentare di Altiero Spinelli.

Tags: , , , , , , , ,

Sezione “Altiero Spinelli” MFE Roma

VERBALE

In data 11 febbraio 2011, preceduta dalla riunione del centro regionale del MFE Lazio, si è tenuto l’Assemblea pre congressuale del MFE Roma. Questa è stata la prosecuzione del dibattito pre congressuale come deciso dalla stessa Assemblea convocata il 11 gennaio 2011.

Nell’introduzione il Presidente Maria Teresa Di Bella e il Segretario Paolo Acunzo hanno aggiornato tutti gli iscritti sulle proposte di linee congressuali nel frattempo discusse sia in sezione nelle riunioni allargate della direzione e della segreteria e sia con altre sezioni a seguito del confronto interregionale di Pescara.

Riguardo quest’ultima iniziativa molti dei partecipanti si sono rallegrati dei risultati raggiunti e si è ricordato che a Pescara è stato lanciato il Network italiano del Gruppo Spinelli a cui è possibile aderire scrivendo a gruppospinelli@hotmail.it

I lavori sono proseguiti con la presentazione di due documenti che si affiancano e approfondiscono la mozione di politica generale sottoposta da Presidente e Segretario nazionale uscenti. Nello specifico si tratta:

– OdG “Noi popolo europeo. Con il Parlamento europeo. Verso gli Stati Uniti d’Europa”, presentato da Giuseppe Bronzini e Virgilio Dastoli, adottato congiuntamente con l’Assemblea pre congressuale del MFE Genova;

– La mozione “Per una Italia europea” presentata da Francesco Gui a nome della Segreteria del MFE Roma.

In conclusione dei lavori l’assemblea ha deciso di adottare entrambi i documenti e di presentarli al Congresso nazionale di Gorizia nella versione qui allegata.

E’ seguito un ricco dibattito a cui si sono succeduti oltre 15 interventi di altrettanti iscritti alla sezione. Inoltre è stata presentata da Pierluigi Sorti una iniziativa sui sistemi contabili europei compartecipata dal MFE Roma e che si terrà il 28 Marzo presso il Senato della Repubblica.

L’Assemblea, oltre all’adozione dei documenti sopra menzionati, ha deciso di raccogliere la disponibilità data dal candidato alla Segreteria nazionale, Franco Spoltore, di organizzare un incontro con lui presso la sede del MFE Roma in Piazza della libertà 13 il giorno lun 21 alle ore 20,30. L’invito a tale occasione di confronto sarà esteso a tutti i federalisti interessati.

Infine sono stati eletti, con 4 astensioni, i delegati romani al Congresso nazionale e, in ordine di mandati, sono:

Maria Teresa Di Bella, Paolo Acunzo, Vittorio Cidone, Tommaso Visone e Stefano Pietrosanti.

Insieme a questi hanno già confermato la presenza a Gorizia altri militanti romani (Oliver La Rocca, Elena Montani, Virgilio Dastoli, Francesco Gui, Pierluigi Sorti, etc), in attesa di avere altre conferme per assicurare una folta delegazione romana e laziale. Infatti, come sua tradizione, la sezione incentiverà la partecipazione e condivisione delle decisioni più ampia possibile, a partire dalla pubblicazione di tutto il materiale congressuale già disponibile su www.mferoma.eu

Paolo Acunzo

Seg. MFE Roma

MOZIONE PER UN’ITALIA EUROPEA

Tags: , ,

DOCUMENTI CONGRESSUALI

Mozione

PER UNA ITALIA EUROPEA

La sezione “Altiero Spinelli” del MFE Roma, riunita in assemblea precongressuale,

– preso atto della mozione congressuale presentata dal Presidente e dal Segretario nazionale,

– rallegrandosi dei risultati del recente “Confronto tra il MFE e il Mondo della politica: quali iniziative comuni per la federazione europea?” promosso da diversi centri regionali a Pescara.

– constatando in modo unanime la centralità della questione italiana nell’attuale quadro politico dell’Unione, in quanto il nostro paese – membro fondatore che ha storicamente promosso attivamente il processo di integrazione – può risultare essenziale per il compimento del processo di unificazione federale dell’Europa, a partire dall’esigenza di dotarsi di un comune governo dell’economia sentita tra i paesi membri dell’Eurogruppo, qualora esso riassuma il ruolo di impulso e la competenza necessaria di cui ha dato prova nelle fasi fondative delle Comunità e dell’Unione

– constatando al tempo stesso la totale inadeguatezza del quadro politico e della attuale compagine di governo in tale prospettiva, con la conseguenza di rendere il nostro paese inaffidabile nei confronti dei partner e oggettivamente controproducente per il processo di integrazione

– invita il MFE ad integrare il proprio impegno per l’Europa federale con una specifica missione, affidata a coloro che intendano farsene carico, al fine della promozione dei valori, della cultura, delle necessarie riforme, delle battaglie indispensabili al conseguimento dell’obiettivo dell’Italia europea, ovvero al ripristino della credibilità, delle competenze, dell’efficienza e dell’impegno richiesti al nostro paese non solo per esser parte attiva dell’Unione e del mercato unico europeo, ma anche per condurre a termine il processo di integrazione federale dell’Europa come prioritario obiettivo della politica nazionale.

Tale impegno potrà essere esercitato sia con iniziative autonome del movimento, sia in collaborazione con tutte quelle organizzazioni della società civile in grado di rilanciare una nuova alleanza per la Federazione europea e le forze politiche nazionali ed europee disponibili a far propri gli obiettivi e la cultura dell’Europa federale

Approvato dall’Assemblea pre congressuale della sezione “Altiero Spinelli” del MFE Roma col mandato ai suoi delegati di presentarla al Congresso nazionale MFE di Gorizia

Roma, 11 febbraio 2011

Tags: , , ,

COMUNICATO STAMPA

Il Movimento federalista europeo saluta con soddisfazione la decisione di un grande quotidiano come il ”Corriere della Sera” di inserire il Manifesto di Ventotene tra i ”Classici del Pensiero libero”.

Era il 1941 quando uno sparuto gruppo di confinati antifascisti decise di scrivere il documento Per un’Europa libera e unita. Progetto d’un manifesto. Quel documento e’ diventato il testo forse piu’ simbolico, profetico e innovativo della Resistenza italiana ed europea. Oggi lo conosciamo come Manifesto di Ventotene.

I due autori , Ernesto Rossi e Altiero Spinelli, provenivano da storie ed esperienze diverse. Giovane comunista Altiero Spinelli, che nei dieci anni di carcere aveva maturato la decisione di allontanarsi dal partito comunista, dal quale fu espulso nel 1938. Un simbolo per l’antifascismo democratico Ernesto Rossi, figlio spirituale di Gaetano Salvemini, allievo di Luigi Einaudi, fondatore con Riccardo Bauer e Ferruccio Parri della colonna italiana di ”Giustizia e Liberta”’. I due, insieme con Eugenio Colorni che scrisse poi la Prefazione del Manifesto, scelsero la strada difficile dell’anticonformismo intellettuale, cominciando a riflettere sulla situazione internazionale, sulle caratteristiche del totalitarismo, sulla storia europea in un periodo in cui il nazifascismo sembrava stesse vincendo la guerra.

Essi abbandonano il sistema tolemaico degli stati nazionali sovrani. Invece di accettare come normale cio’ che la storia d’Europa offriva quale forma ‘naturale’ di organizzazione delle nazioni europee, scelgono la via copernicana: osservare il sistema dall’esterno, trovarlo limitato, proporre una soluzione diversa. Per i federalisti di Ventotene, lo stato nazionale sovrano e’ giunto a una svolta tragica: ha fallito il suo compito storico di tutelare e proteggere la vita dei suoi cittadini, si e’ trasformato in un moloch avido di conquiste e sterile politicamente e idealmente. L’unico modo per conservare la civilta’ europea, che pure si e’ sviluppata grazie allo stato nazionale, e’ che lo stato ceda una parte della sua sovranita’, quella relativa alla difesa, alle relazioni esterne, alla politica economica e alla moneta, e accetti di diventare parte di una federazione continentale.

Quell’idea, accolta con diffidenza e scetticismo da quasi tutte le forze antifasciste (fecero eccezione il Partito d’Azione e alcuni settori della nascente Democrazia Cristiana) ha continuato per tutti gli anni del secondo dopoguerra ad animare il dibattito culturale e politico, non solo italiano.

E’ grazie ai federalisti se l’Italia ha saputo giocare nel corso degli anni Cinquanta un ruolo di guida e di proposta in seno al gruppo dei Sei Paesi fondatori; e’ ancora grazie a Spinelli ed ai federalisti se il dibattito sulla riforma delle istituzioni comunitarie avviato dal Parlamento europeo nel corso degli anni Ottanta si e’ incentrato su parole d’ordine federaliste e su concetti, come la sussidiarieta’, che assumono un significato nuovo quando interpretati alla luce del federalismo europeo.

Il Manifesto di Ventotene puo’ essere interpretato e inteso come un libro dei sogni, ma certo molte delle sue intuizioni oggi sono diventate un’opzione nello sviluppo dell’Unione europea.
Il Manifesto ha 70 anni, ma non ha perso nulla della sua attualita’ e del suo peso come ideale promemoria per l’Europa del terzo millennio, perche’ – come amava dire Spinelli – ”la forza dell’idea europea sta nella capacita’ di risorgere dalle sue ceneri”.

Lo dimostra anche la recente nascita di un ”Gruppo Spinelli” ad opera di alcuni leader del Parlamento europeo come Daniel Cohn Bendit e Guy Verhofstadt e di altre importanti personalita’ come Ulrich Beck ed Amartya Sen.

A cura dell’Ufficio stampa del Movimento Federalista Europeo

0039.347.0359693

ufficiostampa@mfe.it

Tags: , , , , , ,

UNA VITA PER IL FEDERALISMO EUROPEO E LA PACE

AICCRE
ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL CONSIGLIO DEI COMUNI E DELLE REGIONI D’EUROPA
FEDERAZIONE REGIONALE AICCRE ABRUZZO
ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE “FALCONE E BORSELLINO” BASCIANO (TE) 
SCUOLA PRIMARIA VAL VOMANO (TE)

 

Inaugurazione della Biblioteca di documentazione europea

“Umberto Serafini”

Realizzata dalla Federazione Regionale AICCRE Abruzzo con i fondi raccolti a favore della popolazione abruzzese colpita dal terremoto.

La cerimonia avrà luogo

SABATO, 29 GENNAIO 2011 alle ore 10.00

presso la Scuola Primaria Val Vomano (TE) – Via Fedele Romani

La presenza della S.V. è particolarmente gradita

PROGRAMMA

Ore 10.00 Saluti Autorità

Interventi: Antonio Lattanzi – Dirigente Scolastico

Lantino Romani – Responsabile USP Teramo

Valter Catarra – Presidente Provincia di Teramo

Pierluigi Di Giacinto – Sindaco di Basciano

Antonio Fabri – Sindaco di Penna S. Andrea

Michele Picciano – Presidente Nazionale AICCRE

Fabio Pellegrini – Vicepresidente del Consiglio d’Europa

Vincenzo Menna – Segretario Nazionale AICCRE

Emilio Verrengia – Segretario Nazionale Aggiunto AICCRE

Raimondo Cagiano de Azevedo – Docente Università “La Sapienza” Roma

Coordina i lavori: Damiana Guarascio – Segretario Generale AICCRE Abruzzo

Umberto Serafini, padre fondatore dell’Europa, nato a Roma nel 1916 e morto il 22 settembre 2005, all’età di 89 anni, iniziò la militanza antifascista già nel 1935, tanto da dover successivamente rinunciare alla docenza universitaria di Storia delle Dottrine Politiche.

Nel 1950, a guida di un gruppo di europeisti, fondò il Consiglio dei Comuni (e successivamente anche delle Regioni) d’Europa al quale divenendo Presidente fondatore della Sezione Italiana (AICCE/AICCRE) dedicò le sue energie dei decenni successivi dirigendo l’importante periodico “Comuni d’Europa”.

Egli fu un alfiere fondamentale ispiratore e realizzatore del contributo sempre più rilevante portato dagli enti locali e regionali alla costruzione di un’Europa unita e federale e contribuì, insieme ad Altiero Spinelli ed Alexandre Marc, a guidare quel “fronte democratico europeo” che si batté duramente e con successo nella lotta per l’elezione popolare diretta del Parlamento europeo.

 

____________________________________________________________________________________________________

Per informazioni: Damiana Guarascio – Segretario Generale Federazione Regionale AICCRE Abruzzo

Tel. 085 74720 –  Fax. 085 9432760 – E-mail: damiana.guarascio#tiscali.it

Antonio Lattanzi – Dirigente Scolastico Ist. Compr. Stat. “Falcone e Borsellino” – Basciano (TE)

Tel. 0861 650180 –  Fax. 0861 651653 – E-mail: antoniolattanzi#inwind.it

Val Vomano è una frazione del Comune di Penna S. Andrea. È situata a 15 km da Teramo.

Tags: , , , , , ,

E’ in distribuzione l’ultimo numero dell’Unità Europea – Periodico del Movimento Federalista Europeo, fondato da Altiero Spinelli nel 1943.

L’indice degli articoli e rubriche:

  • La battaglia per il bilancio federale
  • Il dibattito precongressuale
  • Un governo di emergenza costituzionale per l’Italia
  • Reddito minimo e Parlamento europeo
  • Proposte in vista di Cancún
  • Verhofstadt e il Gruppo Spinelli
  • Cambiare la relazione di potere nel FMI
  • Il contributo di Albertini al pensiero federalista
  • Osservatorio
  • Attività
  • In libreria

Per abbonamenti: mfe@mfe.it

Per visualizzare il numero 6/2010 clicca qui

Tags: , , , , , , , ,

Cari amici,

si è svolto l’appuntamento di mar 11 gennaio alle ore 18 presso la nostra sede in Piazza della libertà 13, dove, tra l’altro, si terrà l’Assemblea pre congressuale del MFE Roma in vista del Congresso nazionale di Gorizia. Per preparare al meglio la discussione congressuale sul sito riporteremo la prima bozza delle tesi congressuali fatta circolare dal Presidente e Segretario nazionale.

Con l’occasione discuteremo anche delle proposte da presentare al confronto MFE-Politica che si terrà a Pescara il 29 e 30 Gennaio. Per le informazioni logistiche potete contattare damiana.guarascio#tiscali.it , per ovvie ragioni solo su richiesta, a mfe@mfe.it o chiamando in sede, vi verrrà comunicato il numero diretto di cellulare

Per facilitare un approfondimento del dibattito, nell’ultimo direttivo si è deciso di non procedere all’elezione dei nostri delegati al congresso in questa occasione, riservandosi di farlo in una seconda assemblea nel mese di febbraio.

Infine ricordo che  l’unica modalità con la quale ci si potrà mettere in regola con l’iscrizione 2010, entro il 20 gennaio, è il bonifico bancario. Per i riferimenti: http://mferoma.wordpress.com/sostienici/

Intanto vi porgo i migliori auguri di buon anno nuovo e di un nuovo anno federalista!

Paolo Acunzo

Seg. MFE-Roma

Tags: , , ,

Continua la raccolta di firme per l’appello“We the European People…” – CHIEDIAMO LA FEDERAZIONE EUROPEA

Firma l’appello:

  • Per governare l’economia europea
  • Per avere una politica estera e di sicurezza europea
  • Per uno sviluppo equo e sostenibile
  • Per contribuire alla pace e alla giustizia nel mondo


Testo dell’appello:

DALL’UNIONE MONETARIA
ALL’UNIONE FEDERALE EUROPEA

PER SALVARE L’EURO
BISOGNA CREARE SUBITO UN GOVERNO ECONOMICO EUROPEO

PER SALVARE L’EUROPA
BISOGNA AVVIARE SUBITO LA CREAZIONE DELLA FEDERAZIONE EUROPEA
TRA I PAESI CHE HANNO MATURATO LA VOLONTA’ DI FARLO

La drammatica crisi della Grecia ha messo in evidenza tutte le contraddizioni di un’Unione monetaria che non è stata accompagnata dalla nascita dello Stato federale europeo. Avendo una moneta unica con sedici politiche economiche nazionali, gli europei non riescono più a mantenere un adeguato livello di sviluppo, e il rischio è che la crisi finanziaria, in mancanza della ripresa economica, apra le porte alla recessione e alla crisi sociale. Oggi la sopravvivenza stessa della moneta europea è a rischio, a causa degli attacchi della speculazione internazionale; e con l’euro è in pericolo anche l’Unione europea.

Per salvare l’euro è necessario l’immediato rafforzamento della solidarietà tra i membri dell’eurogruppo, per arrivare ad un governo europeo dell’economia e della finanza pubblica e per unificare la rappresentanza europea in seno al FMI. L’esperienza dei paesi che hanno adottato l’euro o hanno aderito agli accordi di Schengen mostra che, in presenza di una forte volontà politica da parte di alcuni governi, si riesce a procedere sulla via dell’unità europea anche a partire da un gruppo di paesi.

La crisi dimostra inoltre che serve un deciso incremento del bilancio europeo, e che quindi occorre sviluppare i poteri impositivi dell’Unione – ad esempio tramite l’istituzione di una carbon tax – e utilizzare l’emissione di Union bonds per finanziare la riconversione anche in senso ecologico dell’economia europea lungo le linee prospettate dalla rivoluzione scientifica e tecnologica.

Non basta però agire sotto la spinta della sola necessità immediata per risollevare le sorti dell’Europa: è venuto il momento anche di recuperare il progetto europeo dei Padri fondatori, perché solo la creazione della Federazione europea – attraverso una procedura democratica costituente alla quale siano associati i cittadini – permetterà agli europei di riprendere in mano il loro destino ed indicare al mondo la via della pace e del progresso. I paesi dell’Eurozona che hanno maturato le condizioni politiche per farlo devono trasferire a livello europeo la sovranità nel campo della politica economica e di quella estera e militare, creando un potere federale dotato di strumenti e di risorse che gli permettano di agire con efficacia.

La responsabilità di avviare un’iniziativa in questo senso spetta innanzitutto a Francia e Germania, ancora oggi al centro del processo europeo. L’Italia può e deve contribuire alla nascita di questa iniziativa indicando per prima la necessità di creare una sovranità europea e adoperandosi affinché, anche attraverso il sistema della cooperazione strutturata prevista dal Trattato di Lisbona, si crei un’avanguardia nel campo della sicurezza. L’obiettivo è far sì che  maturino le condizioni per una Seconda Dichiarazione Schuman, con cui la Francia accetti di condividere il proprio seggio nel Consiglio di sicurezza dell’ONU e di creare una difesa unica europea, rendendo così evidente e credibile la propria volontà europea e stimolando un’analoga risposta da parte della Germania.

In gioco vi è il futuro degli europei: oggi più che mai l’alternativa è tra unirsi o perire, ed è per questo che, citando Altiero Spinelli, “la strada deve essere percorsa, e lo sarà”.

Per firmare l’appello:

/http://www.wetheeuropeanpeople.eu

Per firmare a Roma o partecipare alla raccolta di firme:

Piazza della Libertà, 13 00192 Roma –

Tel/Fax 06.36001705

Email: mfe@mferoma.eu

Tags: , , , , , , ,

« Older entries § Newer entries »