Documenti storici

You are currently browsing the archive for the Documenti storici category.

Il neo Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, è stato iscritto alla sezione “Altiero Spinelli” di Roma del Movimento Federalista Europeo. Di seguito la foto di una sua partecipazione all’Assemblea dei soci di sezione del 2012 (in foto accanto all’allora Presidente MFE Roma, Paolo Ponzano).

In occasione della seduta inaugurale a Strasburgo del nuovo Parlamento europeo, l’Union of European Fedralists (UEF) e i Young European Federalists (JEF) hanno organizzato una due giorni di incontri: il 1 luglio i federalisti europei hanno potuto incontrare e discutere in forum tematici con numerosi europarlamentari che avevano sottoscritto l’appello federalista per le elezioni europee e che si impegneranno a far parte dell’Intergruppo federalista al Parlamento europeo (“Spinelli group”). Il 2 luglio si è svolta davanti alla sede del Parlamento europeo una manifestazione federalista a cui hanno preso parte alcuni parlamentari prima di entrare in aula, ripresa dalle televisioni europee. Ai due giorni hanno partecipato tra gli altri Sandro Gozi (Presidente UEF); Christopher Gluck (Presidente JEF); Giorgio Anselmi (Presidente MFE) e Antonio Argenziano (Segretario GFE).

In occasione dell’anniversario della scomparsa di Altiero Spinelli e a quarant’anni dalla prima elezione diretta del Parlamento europeo, è stata organizzata una “Giornata della cultura europea” da parte della rete accademica “L’Università per l’Europa. Verso l’unione politica”, alla quale ha partecipato il MFE. Nel corso dell’incontro sono stati letti dei brani di personalità della politica e della cultura europea che hanno sostenuto l’unità europea (Spinelli, Schuman, Hugo, Lemonnier, Dostoevskij, Mann, Churchill). I brani sono stati letti dal regista e attore teatrale Daniele Salvo e commentati da docenti esperti tra cui Raimondo Cagiano De Azevedo, Ufficio del dibattito MFE e Francesco Gui, MFE Lazio.

Giornata della Cultura europea, Sapienza Università di Roma, 23 maggio in occasione dell'annoversario della scomparsa di Altiero Spinelli e dei 40 dalle prime elezioni a suffragio universale del Parlamento europeoLetture dei brani di celebri personalità della cultura e della politica a sostegno dell'unità europea, a cura del regista ed attore teatrale Daniele SalvoAltiero Spinelli – Manifesto di Ventotene min 28:11 – 31:29Robert Schuman min 44:15 – 47:03Altiero Spinelli – Discorso al PE del 1984 min 56:54 – 59:30Charles Lemonnier min 1:16:40 – 1:18:50Victor Hugo min 1:23:34 – 1:25:28Fedor Dostoevskij min 1:41:22 – 1:43:58Thomas Mann min 1:53:48 – 1:55:55Winston Churchill min 2:03:58 – 2:06:48

Pubblicato da University for Europe su Giovedì 23 maggio 2019

Il Centro regionale del Lazio del Movimento Federalista Europeo ha organizzato a Viterbo il 17 maggio una tavola rotonda sui temi riguardanti le elezioni europee, il Federalismo europeo, le sfide e le tematiche più importanti per l’evoluzione dell’Unione Europea, alla vigilia dell’appuntamento elettorale del 26 maggio. L’incontro è stato coordinato da Tommaso La Porta, Ufficio del Dibattito MFE Lazio, Walter Corteselli e Leonardo Ceccarini, Segretari di MFE e GFE Viterbo.

Sabato 15 maggio

ore 14.30 / 17.00

Sala della Vaccara, Palazzo dei Priori,

Piazza IV Novembre, Perugia

Workshop in preparazione del Gruppo di Lavoro 2 della Convezione dei cittadini europei

(www.diritticollettivi.eu)

sui “Beni Pubblici e Diritti Collettivi”

Introduzione ai lavori di Pier Virgilio Dastoli e di Antonio Longo (Movimento Federalista Europeo)

La pace si è affermata in Europa, come impossibilità di una guerra tra gli Stati che compongono l’Unione europea.

E’ questo il grande risultato di un processo che si è avviato esattamente 60 anni fa con la creazione della prima Comunità europea: “quando l’Europa non è stata fatta, abbiamo avuto la guerra……la costruzione dell’unità europea farà si che una qualsiasi guerra tra la Francia e la Germania diventi non solo impensabile, ma materialmente impossibile” (dichiarazione Schuman – 9 maggio 1950)

Le istituzioni europee (in particolare l’esistenza di un Parlamento europeo eletto e di una moneta unica) garantiscono oramai la pace (in quanto impossibilità di guerra) tra gli europei.

Come dobbiamo sfruttare questa grande conquista, sia sul piano interno (Europa) sia sul piano internazionale (Mondo)?

I nostri Paesi presentano oggi i fenomeni del razzismo e dell’intolleranza, della xenofobia, del rifiuto del diverso, del populismo, della criminalità organizzata, del separatismo e dei micronazionalismi.

Come possiamo contrastarli? Quali politiche dobbiamo chiedere alla UE, in particolare al Parlamento (come rappresentante dei cittadini) ed alla Commissione (in quanto esecutivo), sul piano della politica sociale per contrastare la disoccupazione, della politica economica per mettere in moto un diverso modello di sviluppo sostenibile ed una giustizia climatica, della politica sull’immigrazione per riconoscere i diritti civili e politici ed una cittadinanza europea di residenza?

Queste sono le sfide che si pongono oggi, sul piano interno, ai nostri Paesi.

Con il Trattato di Lisbona la UE può ora decidere a maggioranza su tutti questi problemi. Dobbiamo chiedere che lo faccia, vincendo le resistenze e gli egoismi nazionali.

Ma dobbiamo essere anche noi – come mondo delle Associazioni – a rivendicare obiettivi concreti e a formulare proposte su questi punti, affinché le politiche della UE siano il risultato di una forte interazione tra le Istituzioni e la società civile europea.

Occorre a tal fine mettere in moto le “Convenzioni dei cittadini europei” nelle nostre città, creare dei momenti nazionali ed europei di dibattito e di proposta, per far giungere la voce dei cittadini fin nelle Istituzioni europee. Non potremmo attivare anche gli strumenti che ci consente il Trattato di Lisbona: il diritto di petizione e, soprattutto, l’”iniziativa dei cittadini europei” (1 milione di firme per chiedere un’iniziativa legislativa europea)?

Ma poi dobbiamo lottare perché la pace possa ora affermarsi anche sul piano internazionale, in un mondo che è ancora governato dalle regole della ‘ragion di Stato’, dalla legge del più forte, dalla sovranità assoluta degli Stati.

L’Unione europea – primo esempio nella storia di superamento (parziale e pacifico) della sovranità assoluta – può giocare un ruolo importante, se non altro come esempio riuscito dell’affermazione della pace al proprio interno.

Ma occorre che parli ‘con una sola voce’, che abbia un reale ‘governo’ responsabile davanti al Parlamento ed espressione del voto dei cittadini europei, che venga superato l’anacronistico potere di veto degli Stati nella politica estera, che abbia un proprio seggio in un Consiglio di Sicurezza dell’ONU riformato ed aperto alle altre grandi aree del mondo (l’Africa, l’America Latina, l’India…).

Quale ruolo dovrebbe svolgere una simile Unione Europea nel Medio-Oriente per superare il conflitto israelo-palestinese, in Africa per indurre a porre fine alle guerre locali e combattere fame e sottosviluppo? E che politica dovrebbe attuare sul fronte del commercio mondiale, del problema agro-alimentare, di quello energetico ed ambientale?

Ed ancora: non è forse giunto il momento che l’UE esca dal silenzio sul tema del disarmo nucleare e dichiari esplicitamente che, in quanto Unione europea, intende rinunciare all’arma nucleare, invitando le altre potenze a fare altrettanto? Una simile presa di posizione non avrebbe un enorme impatto politico sul mondo, avviandolo sulla strada della pacificazione e della sua unità?

Movimento Federalista Europeo

Tags: , , , , , ,